primo piano
0

Turista francese decapitato dall’Isis Hollande: «Andiamo avanti con i raid» Nove arresti a Londra

Facebook Twitter Google + Shock e sgomento in Francia per la decapitazione di Hervè Gourdel, l’alpinista francese di 55 anni rapito domenica nelle montagne dell’Algeria e giustiziato ieri dai fondamentalisti islamici del gruppo jihadista Jund al-Khilafa, affiliato con i terroristi dello Stato Islamico (Isis).   Nove arresti a Londra Intanto nove uomini sono stati arrestati […]

Shock e sgomento in Francia per la decapitazione di Hervè Gourdel, l’alpinista francese di 55 anni rapito domenica nelle montagne dell’Algeria e giustiziato ieri dai fondamentalisti islamici del gruppo jihadista Jund al-Khilafa, affiliato con i terroristi dello Stato Islamico (Isis).

 
Nove arresti a Londra Intanto nove uomini sono stati arrestati a Londra con il sospetto di essere membri di un’organizzazione legata al terrorismo islamico. Lo scrive la Bbc. Secondo la polizia, l’operazione è frutto di un’inchiesta e non di una minaccia immediata. I nove uomini arrestati hanno tra i 22 e i 47 anni, prosegue la Bbc, e sono trattenuti nelle stazioni di polizia del centro di Londra. Perquisizioni in almeno 18 edifici residenziali e commerciali in diverse zone di Londra e uno nel centro dell’Inghilterra.

Hollande Dall’assemblea generale dell’Onu a New York, il presidente Francois Hollande ha denunciato un assassinio «vile e crudele» ed ha assicurato che l’orrido gesto non porterà allo stop dei raid aerei francesi contro le postazioni dello Stato Islamico in Iraq. Al contrario, ha avvertito il leader di un paese sotto shock, «la mia determinazione è totale e quest’aggressione non fa altro che rafforzarla: continueremo a lottare contro il terrorismo dappertutto e in particolare contro il gruppo dello Stato islamico, che porta morte in Iraq e Siria, perseguita minoranze religiose, stupra, decapita».

I raid E ancora: «Le operazioni militari aeree continueranno per tutto il tempo necessario. Voglio che tutte le disposizioni siano prese per garantire la sicurezza dei nostri connazionali, in Francia e nel mondo». Dal Palazzo di vetro, il leader socialista – che oggi riunirà a Parigi il consiglio difesa – ha poi aggiunto che la Francia «non cederà mai al terrorismo, perché è il suo dovere e il suo onore». Gourvel «è stato ucciso perché francese, perché cittadino di un Paese che si batte contro la barbarie, per la democrazia e la libertà». In una Francia lacerata da profonde divisioni, con la gauche spaccata, i dati neri sull’economia, l’avanzata del Front National di Marine Le Pen, Hollande ha lanciato un appello «all’unione di tutti, alla coesione di tutta la nostra comunità, al di là delle nostre differenze, sensibilità, convinzioni. È l’essenziale che è in gioco».

L’annuncio Aerei da combattimento francesi stanno sorvolando l’Iraq in vista di un possibile nuovo raid contro l’Isis, ha detto il ministro della Difesa, Jean-Yves Le Drian alla radio Rtl, precisando che se i Rafale non dovessero bombardare oggi «individueranno gli obiettivi che verranno colpiti domani».

Francia sotto choc L’intera Republique, tra comunicati stampa, dichiarazioni sui media e cinguettii sui social network piange la morte del connazionale denunciando un atto «barbaro» e «atroce». A Nizza, la città in cui viveva l’ex ostaggio, le bandiere sono a lutto. Il sindaco, Christian Estrosi, si è recato ieri sera dai famigliari della vittima. «È un lutto nazionale, la Francia è colpita al cuore», ha detto il primo cittadino, riferendo che la famiglia, in lacrime, ha reagito alla notizia con «dignità, collera e un dolore indescrivibile».

Il ricatto Lunedì scorso Jund al-Khilafa aveva minacciato di uccidere «entro 24 ore» l’ostaggio francese, rapito il giorno precedente nelle montagne algerine della Cabilia, se Parigi non avesse fermato i raid contro l’Isis. In quell’occasione, Hollande disse pubblicamente che non si sarebbe piegato al ricatto e avrebbe continuato la lotta. «Il governo non aveva bisogno di evidenziare in quel modo le sue posizioni», protesta un carissimo amico e compagno di passeggiate di Gourdel, intervistato davanti alla casa di Nizza. Nel fiume di reazioni, anche quella del Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm) – l’organismo che rappresenta circa 5 milioni di musulmani – che si dice «inorridito» per questo «crimine barbaro».

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest
  • mail

Autore: webnetworknews

There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!