motori
0

JAGUAR CHE PASSIONE! PRESENTATA A TAORMINA LA NUOVA F-TYPE

Facebook Twitter Google + Jaguar che passione! Si direbbe e, da quando ero bambina, la Jaguar mi ha fatto sempre sognare, quasi e piu’ del cinema. Quando qualcuno mi chiedeva “quale macchina ti piace?”, io ne indicavo solo una, perchè riconoscevo, nella sua forma, la classe. Non mi sbagliavo! il suo stile viene da lontano…come […]

Jaguar che passione! Si direbbe e, da quando ero bambina, la Jaguar mi ha fatto sempre sognare, quasi e piu’ del cinema. Quando qualcuno mi chiedeva “quale macchina ti piace?”, io ne indicavo solo una, perchè riconoscevo, nella sua forma, la classe. Non mi sbagliavo! il suo stile viene da lontano…come dire è una auto nobile. Ed infatti il mio mito nasce a Blackpool, oltre 80 anni fa, nel cuore del Midlands, centro dell’industria automobilistica britannica. Tra i sidecar che hanno popolato la mia infanzia di fiocchi e vestitini di organza e velluto cresce e si fortifica sino ad indossare le carrozzerie in alluminio montati su telai costruiti da importanti marchi europei.

Le Jaguar sono sempre state vetture da sogno, con cofani inebbrianti e un aspetto sportivo che si presta alla velocità, forse la più alta al mondo, nelle vetture di serie.

Negli anni cinquanta, quando nacqui in un piccolo paese della Sicilia, le Jaguar sommavano già successi nelle competizioni sportive e diventavano presto il desiderio della classe borghese grazie anche a berline e roadster.

Nei ruggenti anni sessanta, quando la rivoluzione giovanile, cercava di mutare le “non ragioni” di una obsoleta e bigotta società italiana, nascevano progetti di successo come la serie E e la XJ6, subito esclusive e prorompenti con una linea da grande passo.

Negli anni settanta, con la musica rinnovata e i grandi mutamenti di una società che tentava di risalire la china, si affermava la V12 sulla XJ, berlina a 4 posti…speedy gonzales che faceva sussultare il mondo anche con la versione coupè. Nei pericolosi anni ottanta, quando gia’ la industria tedesca sfornava i suoi competitivi marchi, e cercava di spazzar via qualsiasi competitor, la Jaguar non tradiva la propria nascita, perchè la XJ6 si imponeva nelle corse IMSA …ed ecco che appariva all’orizzonte la prestigiosa Ford per portare una ventata di freschezza alla Jaguar cercando il rilancio atteso dalla scintillante autovettura. La macchina superbolica vinse Le Mans, nel 1990 con ben due vetture ai primi posti e, da quel momento il giaguaro, fino ai giorni nostri, portava a casa numerose vittorie sportive…ma con il cinema ed i suoi successi di oltreoceano …col cinema grande occhio dilatato sull’Universo, arrivava L’Americaaaaa…Nuovo Mondo di Crialese descrive questa passeggiata nel latte dei protagonisti, come un evento di conquista e la Jaguar viene acquistata dal Boom americano che gioca al “compra tutto”…e sicuramente l’investimento giova alla messa a punto di tecnologie avanzate . Certo il Giaguaro ha sempre un urlo non di serie, ma le nuove produzioni hanno uno stile e una tecnologia di grandissimo prestigio che ancora ricorda quel gusto inglese…come dire Cary Grant parte pur sempre da Bristol prima di divenire americano e questo ha fatto la differenza! E come esiste Hollywood …Bollywood non si fa da parte…regalando il mercato indiano una spumeggiante XF, vettura firmata da Ian Callum, il capo progettista Jaguar che è anche lo stilista della Aston Martin V12 Vanquish, che nel 2002 lega addirittura il suo destino al famoso film della serie di James Bond “La morte può attendere”. E davvero, se entriamo nel mondo della Jaguar la morte puo’ attendere, restiamo sospesi e immersi nella contemplazione oltre che essere appagati dal tecnicismo e dalla proposta di qualità….Jaguar e il cinema continuano il cammino in un binomio indissolubile che non è scevro o lontano dalla economia. Cultura è economia nel rinnovato Festival internazionale di Taormina che Jaguar sceglie come “nicchia” seguendo la sua politica di qualità che la rende unica.

E così che arrivo in Piazza IX Aprile a Taormina e mi fermo, come quando sento cantare un talento, oppure quando vedo una pellicola da full immersion come “Toto’ e Vice’” e che ci posso fare…Lei è ancora lì e mi attrae, arriva nel nuovo modello Jaguar F-Type, stilisticamente definita sempre da Ian Callum con una redefinizione degli spazi del frontale, sostituiti i paraurti illumina con i nuovi fari full-led. Il lancio sembra limitato a 400 esemplari…perchè la regina rinnovata delle auto, viene ancora una volta pensata e proposta con quella garanzia di unicità che è stata la fortuna, nel tempo, di questa avvincente autovettura

Il modello avveneristico e futurista 2018 intitolato 400 Sport Launch Edition vanta un’inedita versione da 400 Cv del V6 di 3,0 litri di Coventry, con particolari rifiniture curati nello specifico, assetto regolabile, freni potenziati e cerchi da 20”. La gamma si amplia poi con l’introduzione del V6 da 340 Cv anche nella versione R-Dynamic. Dotazioni di sicurezza rendono efficiente l’auto anche per il nuovo sistema di infotainment che puo’ gestire e comunicare con una videocamera GoPro per registrare filmati di guida completi di riscontri telemetrici. Proposta in prima mondiale, l’app ReRun permette di rivedere i filmati direttamente sul proprio smartphone. I giovani sono estasiati di questi accorgimenti sofisticati ma dinamici. Nuovi sedili permettono di alleggerire di 8 kg le nuove F-Type Coupé e Convertible. All’interno finiture cromate e in alluminio e il sistema Touch Pro, che ora è standard su tutte le versioni e prevede il navigatore con avvisi in tempo reale su meteo e traffico. La nuova gamma F-Type contiene 22 proposte con potenza comprese da 340 Cv a 575 Cv ed è dotata di trazione posteriore e di quella integrale. La 400 Sport Launch Edition sarà offerta su tutti i mercati per un periodo limitato di un anno. Ian Callum, direttore del design del brand ha dichiarato: ”Per uno stile importante in una vettura sportiva contano molto le proporzioni e la purezza delle linee. La sfida più impegnativa è stata focalizzare e mantenere un aspetto che promette performance. Sulla model year 2018 abbiamo affinato i dettagli chiave del design per rendere ancora più evidente questo obiettivo al guidatore, ai passeggeri e a chi osserva la vettura passare”.

Insomma la mia macchina dei desideri è tornata spumeggiante in una vasta gamma di versioni e con prezzi accattivanti. Io la rimiro come superba immagine non di ciò che voglio, ma di quello che amo anche solo vedere, come innanzi ad un dipinto, ad una opera d’arte e se potrò fare ancora quel cinema che amo e che mi porto dentro, Jaguar verrà con me. Nessuno me lo ha detto… ma mi sono sincronizzata solo con la eterna bellezza che mi colpì da bambina.

Anna Mazzaglia

 

 

#FOTIAUTO

di Brokar S.r.l.

Telephone:+39  095 7167253

Fax:          +39  095 8992431

Brokar S.r.l..: Via Carmelo Patanè Romeo, 14 – 95126 CATANIA  

Cod. Fisc./P.IVA/Isc. Reg. Imp. Catania 05259430873 – R.E.A. n. 354025 

Cap. Soc. € 250.000,00

immagine firma mail

 

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest
  • mail

Autore: webnetworknews

There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!